Select Page

Gita di un giorno da Marrakech ad Ait Benhaddou

Durata

1 giorno

Persone Max

50

Età minima

+10

Tour da

Da Marrakech a Ait Benhaddou

Gita di un giorno a Marrakech alla Kasbah di Ait Ben Haddou

Una gita di un giorno da Marrakech ad Ait benhaddou è un piano meraviglioso per trascorrere la giornata fuori dalla grande città. Il viaggio inizia alle 08:00 quando il tuo autista bussa alla porta del riad in cui ti trovi. Di solito i vicoli sono troppo piccoli perché l’auto possa raggiungere le profondità della Medina. Una volta in macchina, puoi ascoltare la musica che preferisci con un pollice USB o un cavo AUX, o semplicemente goderti le playlist casuali specifiche per ciascun guidatore. Dopo una dozzina di chilometri, mentre si inizia a salire all’inizio della catena montuosa, si iniziano a notare un paio di villaggi berberi arroccati sulle montagne in un mimetismo sorprendente che li rende tutt’uno con la natura. gli abitanti del villaggio sono generalmente autosufficienti, fanno affidamento sull’agricoltura e sul bestiame e magari vendono una pecora o una capra al mercato settimanale per comprare tè, zucchero, vestiti e pagare le bollette della luce. La terra fornisce grano, una varietà di ortaggi, frutta e oli. Il bestiame fornisce carne. Le persone consumano solo animali malati o deboli che non sopravviveranno a meno che non sia un’occasione davvero speciale, un caro ospite o una cerimonia religiosa. Una piccola sosta in una delle tante terrazze per sgranchirsi le gambe e magari prendere una tazza di caffè per svegliarsi del tutto, quindi proseguire la strada attraversando il passo Tizi n Tichka (2160 m) dell’Alto Atlante per raggiungere l’antico villaggio di Ait Benhaddou . Probabilmente sentirai spesso il nome “Ksar”, ha due significati in Marocco; 1: Un palazzo grande e lussuoso, o un’assemblea di Kasbah solitamente circondata da un muro di protezione, come è il caso qui a Ksar Ait Benhaddou. Il villaggio fortificato è stato dichiarato dall’Unesco tra gli otto patrimoni dell’umanità del Marocco ed è ben conservato. Lo ksar è situato nella valle di Ounila. Aït Benhaddou Anticamente era una stazione per le carovane, che trasportavano oro, argento, sale, spezie e schiavi dalle profondità del Sahara africano attraverso il Marocco e in Europa. I mercanti scambiano le loro merci qui e tornano, oppure si fermano e riposano prima di continuare il loro viaggio a Marrakech. Le miniere di sale sono ancora attive nella zona e si poteva notare il sale sulle sponde del fiume ounila prima di raggiungere il villaggio.

AIT BENHADDOU Ksar “Ighrem”

Ait Benhaddou è ancora più famoso per essere lo sfondo di molti film di Hollywood, le scene del potente Russel Crowe che interpreta il Gladiatore sono state girate nel villaggio, Lawrence d’Arabia, La Mummia ha anche usato lo Ksar come sfondo per molte scene. Welles lo utilizzò come luogo per Sodoma e Gomorra e per Gesù di Nazaret. Anche la scena in cui Denerys Targarian stava entrando nel villaggio di Sand (con due piramidi in cima) è stata girata alle porte di Ait Benhaddou, una volta lì, avrai la possibilità di vedere un paio di foto delle riprese dal vivo che hanno avuto luogo lì . E in cima alla collina, apprezzerai una vista meravigliosa su tutta la vallata. Trascorrerai due ore ad Ait Benhaddou, una per esplorare il villaggio e i siti, e un’ora per gustare un buon pasto su una terrazza con una chiara vista delle Kasbah. Dopo aver lasciato Ait Benhaddou, ci dirigeremo a Ouarzazate, una città a 30 km dal sito di Ait Benhaddou e altrettanto famosa nell’industria cinematografica in quanto ci sono due grandi studi in città e un enorme museo dell’arte cinematografica. Il nome “Ouarzazate” è una combinazione berbera di due parole, che significa silenzioso e pacifico.

La prima attrazione che vale la pena visitare la Kasbah di Taourirte, una costruzione bella e ben conservata che custodisce molte storie eroiche e storia antica, il biglietto d’ingresso è di 20 dh a persona e hai la possibilità di pagare una guida locale per ottenere un valore aggiunto e le storie la più grande Kasbah del Marocco e sede dell’ex Pacha Glaoui, il sovrano della regione ha da raccontare. La seconda attrazione di Ouarzazate è il museo delle arti cinematografiche, situato proprio di fronte alla precedente Kasbah, è una vasta collezione di strumenti, costumi, telecamere, tecniche di effetti visivi e camere utilizzate nelle riprese dei film. Il biglietto d’ingresso al museo è di 30 dh a persona, ed è anche possibile portare una guida locale per spiegare il sito. Dopo il museo, torneremo all’ingresso della città, dove si trova il sito dell’Atlas Studio, è qui che avviene la realizzazione del film, ma il museo è più interessante, perché lo studio è solitamente vuoto al di fuori degli orari delle riprese e vietato durante la sparatoria. Il viaggio finisce qui e si riprende la strada di ritorno a Marrakech per arrivare verso il tramonto. L’autista ti lascerà al tuo hotel o in qualsiasi luogo a tua scelta della città.

Incluso

  • Trasporto privato
  • Guida bilingue specializzata

Avete un tour personalizzato? Lavoriamo sempre su tour personalizzati.